Presidio in Piazza Loggia: importante esserci!!!

Questa mattina Radio onda d’urto ha intervistato Fabio Capra, consigliere del Partito Democratico e presidente Commissione Bilancio.

Ha spiegato che oggi in consiglio comunale i fondi per la scuola non ci saranno ma che la Giunta ha la possibilita’ di trovarli, se vorrà, fino al prossimo novembre.

E’ quindi ancora piu’ importante essere in tanti oggi pomeriggio, fare pressione sul consiglio comunale e mostrare alla stampa le migliaia di firme raccolte e poi ricominciare a settembre.

Ascolta l’intervista.

Retta scuola dell’infanzia comunale oggi e domani!!!

In questi giorni i genitori delle scuole dell’infanzia comunali hanno ricevuto la notizia della variazione delle rette per il prossimo anno scolastico.

Di seguito trovate il confronto tra le rette (Scuole dell’Infanzia di Brescia) dell’ a.s. 2011/2012 e quelle nuove a.s. 2012/2013.

Di fatto hanno leggermente modificato i “limiti” dell’isee, aumentando di qualche euro le tariffe mensili. Hanno però aggiunto una fascia (oltre 20.000).

Sono AUMENTATE NOTEVOLMENTE le tariffe per i servizi di tempo anticipato/prolungato.

I NON RESIDENTI sono quelli che pagano più le conseguenze degli aumenti.

confronto tariffe scuola materna comunale

Leggi la lettera ai giornali di un genitore in merito alla modifica delle rette.

Resoconto incontro del coord. Sos Scuola con capigruppo consiglio comunale di Brescia

Ieri 30 maggio, nel corso del presidio del coord. SOS SCUOLA, una delegazione composta da tre insegnanti delle materne, un’insegnante delle elementari, un dirigente amministrativo d’istituto  e tre genitori hanno incontrato i capigruppo del ConsCom di Brescia. All’incontro sono anche intervenuti l’assessore alla P.I. Arcai e il Direttore generale del comune di BS Triboldi.

Riassumo con estrema sintesi gli interventi.

E’ stato ribadito dalla delegazione che alla scuola va garantito ciò che serve per un pieno funzionamento di tutte le sue componenti (progetti formativi, sostegno, iniziative verso i bimbi stranieri, struttura e amministrazione….) e che va garantito subito: a settembre tutto deve essere ripristinato e così per gli anni a venire va assicurato il finanziamento necessario per mantenere quegli standard di qualità che hanno connotato la scuola bresciana negli anni. Ripristino del finanziamento quindi per: iniziative di alfabetizzazione, supplenze a tempo pieno nelle materne, Vittoria Alata e sostegno agli alunni disabili.

Tutti i capigruppo dell’opposizione (Del Bono PD, Castelletti Lista Castelletti, Albini SEL e Cosentino IDV), si sono espressi a favore della variazione di bilancio che restituisca i fondi sottratti alla scuola. Hanno condiviso le ragioni della delegazione e la centralità della scuola pubblica per la crescita e lo sviluppo di una società democratica. Chi ha ricordato i tre milioni e mezzo di parte corrente per l’abbattimento delle Tintoretto, chi ha proposto di ampliare il portafoglio dell’assessorato della P.I. riducendo il budget a disposizione per altri assessorati.

Tutti i capigruppo della maggioranza (Bonetti UDC, Galizioli Lega Nord, Farina PDL), pur manifestando alcuni preoccupazione per i tagli alla scuola, hanno invece puntato soprattutto l’attenzione sullo stato di salute delle casse comunali, che non permette nuove spese e incrementi di finanziamento. La scuola va sacrificata, insomma…

A circa metà incontro si sono uniti l’assessore alla P.I. Arcai e il direttore generale del comune Triboldi.

Triboldi ha illustrato alcune problematiche di bilancio del comune, precisando che il suo intervento è di tipo tecnico e risponde alle scelte e priorità politiche indicate del consiglio/giunta.

Ha sottolineato l’impossibilità di aumentare le spese e invece la necessità di aumentare tariffe (come per i parcheggi) e rette (come per le scuole!). Quindi i finanziamenti alla scuola possono avvenire solo da variazioni di bilancio, ovvero spostare da una parte per mettere da un’altra.

Arcai ha ricordato i suoi interventi nei confronti del MIUR per avere restituiti i residui attivi (ovvero quel milione e mezzo che le scuole bresciane hanno anticipato per gli stipendi dei supplenti e che il ministero non sta restituendo dal 2006); ha ricordato che sia per il 2012 che per il 2013 sono stati stanziati rispettivamente 380.000 euro per il diritto allo studio (a tal proposito si è scordato di ringraziare la nostra mobilitazione), ha affermato di avere ripristinato i contributi alle famiglie (120.000 euro per il 2012) e per le fam. numerose (c’erano tagli anche qui!).

Ha aggiunto all’elenco il ripristino della frequenza ai CRE per gli alunni disabili per tutti i turni, non più limitandoli a due (e qui ricordo che quando incontrammo il sindaco il 15 maggio, fummo noi a renderlo edotto di questa aberrazione). Infine ha annunciato che ai 2,2 milioni di euro stanziati per il 2012 per il sostegno agli alunni disabili, ma che non sarebbero bastati a coprire le necessità di tutti, hanno previsto una variazione di bilancio: 6-700.000 mila euro spostati dal finanziamento ai Musei e messi a favore di questo intervento. Così anche per quest’altra richiesta posta al centro delle nostre rivendicazioni, il Comune ha deciso di garantire la massima copertura.

Restano invece a zero euro i fondi per le iniziative di alfabetizzazione e le supplenze alle materne restano limitate alla metà della giornata scolastica!!

Quindi anche se gioiamo insieme alle famiglie con figli disabili che hanno ottenuto il riconoscimento pieno e inviolabile dei loro diritti, resta inaccettabile che Arcai mantenga chiusura sul resto.

I capigruppo dell’opposizione si sono spesi rassicurando di portare avanti le nostre richieste, ma abbiamo chiesto anche a quelli della maggioranza di agire nella stessa direzione. Non è questione di partiti, è una questione che investe tutti in quanto cittadini adulti responsabili a cui è stato assegnato il compito di saper difendere oggi ciò che dà garanzia al domani.

Dobbiamo quindi proseguire nella nostra protesta, essere decisi e determinati, rendere ancora più forte e dura la nostra mobilitazione.

Abbiamo ottenuto alcune cose anche grazie alla nostra determinazione ed alla giustezza di ciò che chiediamo. Arriviamo fino in fondo.

Grazia Compagnoni

5 giugno 2012 – presidio al Provveditorato

ATTENZIONE: anticipo dell’orario, chi può arrivi per le 15.45!!!

Nuovo presidio al Provveditorato:

MARTEDI’ 5 GIUGNO DALLE ORE 16,30
PRESIDIO
CON I NOSTRI BAMBINI
PRESSO L’ UFFICIO SCOLASTICO  PROVINCIALE  
DI VIA S. ANTONIO 14 A BRESCIA
(accanto il lato est del Parco Castelli)

PROVVEDITORATO E MINISTERO FUORI I NOSTRI SOLDI!

Il Ministero dell’Istruzione ha nei confronti delle scuole bresciane un debito di 1milione e 550mila euro: soldi anticipati dai nostri istituti per pagare i supplenti negli ultimi 6 anni!!! Questi soldi sono necessari per far funzionare le nostre scuole, per chiamare i supplenti ed evitare che i bambini quando una maestra è malata vengano divisi nelle altre classi perdendo giorni e giorni di lezioni, come troppo spesso accade.

Scarica il volantino da distribuire!!!

presidio al provveditorato

striscione al provveditorato

Striscione al provveditorato

Si è conclusa verso le ore 20, dopo una “pizzata”, l’azione di protesta effettuata oggi in Provveditorato dai genitori e dagli insegnanti del Coordinamento SOS scuola che hanno occupato simbolicamente la sede periferica del Ministero per chiedere che siano pagati i debiti verso le scuole bresciane che ammontano a 1milione e 554mila euro. L’incontro con la dirigente Dott.ssa Raimondi è stato assolutamente insoddisfacente; secondo la rappresentante dell’Ufficio scolastico la situazione non è così critica e dovremmo essere rassicurati dal fatto che a settembre garantiranno le lezioni!!!

Domani, mercoledì 6 giugno, alle ore 20,30 presso la scuola media Bettinzoli di Via Caleppe 13 a Brescia il Coordinamento si riunirà per decidere cosa fare nei prossimi giorni in vista del consiglio comunale dell’11 giugno quando saranno approvate le variazioni di bilancio. Tra l’altro,come si legge sui giornali di oggi, non sono garantiti dl Comune nemmeno i 380mila euro per il funzionamento amministrativo-didattico delle scuole…

Con la raccolta firma andiamo avanti fino all’11, domani sera facciamo il punto della situazione.

Ci vediamo in assemblea.

Resoconto assemblea del 6 giugno

Alla riunione del Coordinamento SOS scuola di ieri sera si è deciso di convocare un presidio per l’11 giugno in occasione del consiglio comunale che dovrà approvare le variazioni di bilancio.

Il presidio si svolgerà dalle ore 17 in Piazza Loggia, con i nostri bambini.

Domani mattina, 8 giugno alle ore 11 presso la scuola media Bettinzoli di via Caleppe 13 a Brescia il Coordinamento SOS scuola terrà un’assemblea per presentare il presidio e per denunciare che ancora mancano nel bilancio i fondi promessi per il diritto allo studio; inoltre, con documentazione alla mano, si dimostrerà che l’aver affossato il progetto di alfabetizzazione comporta anche la perdita di rilevanti cofinanziamenti statali alle scuole bresciane.

Sarebbe importante la partecipazione di altri genitori e insegnanti (se non sono al lavoro).

11 giugno 2012 – presidio in Piazza Loggia

ULTIMA CORSA,

PRESIDIO AL CONSIGLIO COMUNALE LUNEDI’ 11

Lunedì 11 giugno ci sarà il consiglio comunale che approverà le variazioni di bilancio. Dobbiamo essere presenti per richiedere il pieno ripristino dei fondi per la scuola, altrimenti a settembre sarà un disastro. La Giunta deve stanziare i soldi per il funzionamento amministrativo e didattico, per alfabetizzare i bambini che non comprendono l’italiano prima del loro inserimento nelle classi, per il supporto adeguato ai bambini disabili.

PROSEGUIAMO LA RACCOLTA FIRME CONTRO I TAGLI E PER UNA SCUOLA PUBBLICA DI QUALITA’.

Mobilitiamoci fino all’ultimo giorno di scuola

TROVIAMOCI TUTTI IN PIAZZA LOGGIA DALLE ORE 17 CON I NOSTRI BAMBINI LUNEDI’ 11

Scarica la locandina da distribuire.

Petizione per il pieno ripristino dei fondi per la scuola

Stiamo raccogliendo le firme per il pieno ripristino dei fondi per la scuola.

LA RACCOLTA DURERÀ FINO ALL’11 GIUGNO

Testo della petizione:

La qualità della Scuola pubblica è determinante per il futuro dei nostri bambini e dell’intera società; per questo riteniamo che si debba considerare strategico e prioritario il suo sostegno attraverso necessarie ed adeguate risorse. Pertanto chiediamo che ogni anno vengano confermati dal Comune di Brescia congrui finanziamenti per il diritto allo studio, per un supporto appropriato agli alunni con disabilità, per l’alfabetizzazione dei bambini che non conoscono la lingua italiana prima dell’inserimento nelle classi, per i contributi mensa e trasporto alle famiglie più bisognose, per il progetto Vittoria Alata e lo sviluppo della pratica sportiva. Chiediamo il ripristino delle sezioni soppresse nelle scuole materne e la sostituzione piena delle maestre assenti per malattia. Chiediamo inoltre che il Ministero saldi i debiti che ha nei confronti delle scuole bresciane.

Scarica il modulo per la raccolta firme

Scarica la traduzione della petizione in arabo, russo, inglese, urdu

Testo della petizione tradotto in varie lingue:

Школа очень важная для  будущего  наших детей. По этому просим чтобы Комуне направил деньги  на право изучения, для детей иммигрантов которые должны  учить италянский язык, для  детей имеющих инвалидность, для семей которым нужно помощь на оплате столовой.
Просим чтобы в детских садах, больные учительници могли иметь заместитель. Просим чтобы государство отдал деньги которые должны брешянским школам.

School is very important for our children’s future. For this reason, we claim Comune to allow  money for their right to education, for children of immigrants who need to learn italians,  for children with disability problems, for families who cannot pay for the refectory.
We claim that sick teachers, in the nursery schools, could be replaced. We claim that government paid for his debts with schools of Brescia.

testo della petizione in arabo

testo petizione in urdu